Reazioni termonucleari delle stelle

Le reazioni termonucleari delle stelle

Le reazioni termonucleari delle stelle: A temperatura ordinaria, in un gas, le particelle sono neutre; viceversa a temperatura superiore a qualche eV, poichè le singole particelle tendono a dissociarsi negli elementi costitutivi (ioni ed elettroni) il gas si trasforma in una miscela di particelle cariche, cioè unplasma .
Il plasma, costituisce il 99% della materia di cui e’ composto l’ Universo e quindi è detto anche: “quarto stato della materia”.  E’ il principale costituente delle stelle e del sole. Nel sole, che ha una temperatura interna di 14 milioni di gradi, la reazione di fusione di nuclei di idrogeno (reazione protone-protone) è responsabile  di gran parte dell’energia che giunge fino a noi sotto forma di calore e di luce (e di neutrini solari).

Le reazioni termonucleari delle stelleIn stelle più calde o di massa maggiore prevalgono altre reazioni. A temperature intorno ai 15-20 milioni di gradi queste reazioni si basano  sul ciclo del carbonio in cui il C12 funge da catalizzatore per la fusione di  4 protoni in  un nucleo di He4 ,due positroni, due neutrini, e  un gamma, con  sviluppo di   26.63 MeV di energia ( di cui il 5%  è associata ai neutrini prodotti).
Le reazioni termonucleari delle stelleIl problema dell’evoluzione stellare è governato dall’energia da fusione e dall’energia gravitazionale: in una stella molto giovane composta da atomi di idrogeno, l’energia gravitazionale è dominante, la stella si contrae,  aumenta la sua  temperatura e la sua  densità finchè diventano importanti le reazioni di fusione con liberazione di energia.
Si verificano in sequenza stadi gravitazionali e nucleari a temperature e densità crescenti e vengono bruciati nuclei con carica crescente, fino ai nuclei di ferro per i quali l’energia di legame presenta un massimo. A questo punto le reazioni  nucleari assorbono energia anzichè produrla.

link: http://www.sansepolcroliceo.it/Cincilla/Reazioni%20nucleari%20nelle%20stelle.htm

>>>avanti

<<< indietro

 

Lascia un commento