fusione fredda

Fusione Fredda

Fusione Fredda

Fusione Fredda

La fusione nucleare fredda (anche fusione fredda o a freddo, è un nome generico attribuito a presunte reazioni di natura nucleare, che si produrrebbero a pressioni e a temperature molto minori di quelle necessarie per ottenere la fusione nucleare “calda”, per la quale sono invece necessarie temperature dell’ordine del milione di kelvin e densità del plasma molto elevate. Fino ad oggi, l’esistenza stessa di questi fenomeni non è stata dimostrata in modo definitivo, anzi l’opinione prevalente nella comunità scientifica è che tutte le evidenze proposte siano effetto di errori di misurazione o di fenomeni non nucleari. Alcuni ricercatori che tuttora svolgono ricerche in questo campo preferiscono usare il termine trasmutazione LENR in luogo di “fusione fredda”.

Il termine “fusione fredda” divenne molto popolare nel 1989 a seguito dei primi esperimenti di Martin Fleischmann e Stanley Pons[3] dell’Università di Salt Lake City nello Utah. Diversi laboratori ripeterono gli stessi esperimenti, ma senza ottenere conferme del fenomeno. Sulla possibilità di fusione a bassa energia furono pubblicati anche studi teorici, tra i quali quelli di Giuliano Preparata, docente di Fisica Nucleare all’Università di Milano. Tra i tentativi più recenti, nel maggio 2008 Yoshiaki Arata, uno dei padri della fusione nucleare calda nipponica, insieme alla collega Yue-Chang Zhang, ha mostrato pubblicamente ad Osaka un reattore funzionante con pochi grammi di palladio, ma anche in questo caso l’esperimento non è più stato ripetuto e i risultati non sono stati pubblicati in un lavoro scientifico.

articolo su brevetto Rossi

articolo su E-CAT Rossi

Lascia un commento